La funzione iPhone mancante ritorna con iOS 16

La funzione iPhone mancante ritorna con iOS 16

A breve arriva iOS 16. Nonostante non ci sia una data precisa per il lancio del sistema operativo Apple, è prevista dopo l’estate e precisamente alla fine di settembre, quando dovrebbe avvenire la presentazione dell’iPhone 14, fiore all’occhiello del brand della mela.

La WWDC 22 (Worldwide Developers Conference), tenutasi all’inizio di giugno, è servita da palcoscenico per aprire la bocca e svelare alcune delle novità che offrirà il nuovo software e che stanno generando tanta attesa Una delle principali ruota attorno la schermata di blocco.

Fino ad ora, veniva utilizzato per mostrare l’ora, le notifiche e visualizzare un widget.

Qualcosa che cambierà radicalmente con iOS 16. Perché questo schermo diventerà uno strumento in più, potendo crearne diversi e interagire con essi a piacimento. Ognuno avrà l’aspetto e i widget desiderati dall’utente, anche potendo visualizzare un tabellone segnapunti sportivi in ​​​​diretta senza dover aprire alcuna applicazione. Ma in questa tecnologia, non tutto è progresso.

Perché c’è chi si perde alcune cose che sono andate perse nel tempo e che sono state molto utili, come la percentuale della batteria.

La funzione iPhone mancante ritorna con iOS 16

Quando ha smesso di essere visualizzata la percentuale della batteria? Nel 2017 e con il lancio di iOS 11 e iPhone X, questi dati sono scomparsi dalla schermata iniziale a causa dell’introduzione del ‘notch’, che ha la lente frontale di un dispositivo e viene utilizzato per abilitare Face ID o Unlock by face rilevamento.

Una novità che è stata molto criticata dai fans della mela, poiché con un semplice sguardo sapevano se avrebbero dovuto ricaricare il cellulare presto o meno. Da allora, è stato necessario accedere al Centro di controllo del dispositivo per visualizzare questi dati. E sembra che quello che per molti è stato considerato un ritardo abbia i giorni contati.

Perché nell’ultima versione beta di iOS16 queste informazioni sono già state integrate nell’icona della batteria.  Tuttavia, si vocifera che questa funzionalità non sarà disponibile per tutti i modelli di iPhone.

Da MacRumors sottolineano che iPhone 13 Pro Max, iPhone 13 Pro, iPhone 13, iPhone Pro Max, iPhone 12 Pro Max, iPhone 12 Pro, iPhone 12, iPhone 11 Pro Max, iPhone 11 Pro, iPhone XS Max, iPhone XS e iPhone X potranno visualizzare la percentuale della batteria, quindi saranno esclusi i modelli XR, 11, 12 Mini e 13 Mini, oltre alla SE di seconda o terza generazione, o un iPhone 8 o precedenti.

Successivamente, analizziamo i modelli di iPhone che potranno installare iOS 16, sottolineando che tutti quelli che non compaiono non potranno avere il nuovo software Apple:

Dispositivi compatibili con iOS 16 iPhone 13 iPhone 13 Mini iPhone 13 Pro iPhone 13 Pro Max iPhone 12 iPhone 12 Mini iPhone 12 Pro iPhone 12 Pro Max iPhone 11 iPhone 11 Pro iPhone 11 Pro Max iPhone XS iPhone XR iPhone X iPhone 8 iPhone 8 Plus iPhone SE (2a generazione o successiva)

La quinta versione beta di iOS 16 ha accolto con favore altre nuove funzionalità, come un nuovo suono quando si utilizza l’applicazione “Cerca” per individuare uno dei dispositivi compatibili, che è stato incorporato anche quando si trova un iPhone da un Apple Watch.

Un’altra modifica avviene durante l’acquisizione di uno screenshot. Con questa versione viene visualizzata una nuova opzione: ‘Copia ed elimina’. Inoltre, se la terza beta di iOS 16 ha aggiunto un lettore musicale a schermo intero visibile dalla schermata di blocco, la quinta ne ha introdotto una versione “mini”.

Infine, Apple ha rinominato la sezione da cui effettuare una chiamata di emergenza, che è passata dall’essere chiamata “Emergenza SOS” a “Chiamata SOS”. Inoltre, gli indicatori per Dolby Atmos e Lossless all’interno di Apple Music ora vengono visualizzati accanto al genere musicale di un brano, anziché sotto i pulsanti di riproduzione.

Redazione

Consulente SEO e webmaster freelance attivo sul web dal 1990 quando ancora Google non esisteva, ma esistevano i motori di ricerca alternativi come altavista & Co. Mondoinformatico vuole essere un blog di informazione tecnologica per aiutare le persone meno tecniche a capire come risolvere i problemi pratici di tutti i giorni