Che cos’è un codice QR e a cosa serve

Che cos’è un codice QR e a cosa serve

Novembre 26, 2021 Off Di Redazione

Un codice QR è una matrice bidimensionale che appartiene alla famiglia dei codici a barre, inizialmente progettati nel 1994 per l’industria automobilistica in Giappone. Questi codici sono in grado di memorizzare informazioni fino a un totale di 7089 caratteri numerici o 4296 caratteri alfanumerici nella versione 40 di questi codici.

Anche se è normale codificare contenuti come collegamenti a pagine Web o simili, i codici QR possono memorizzare praticamente qualsiasi tipo di dati se codificati e decodificati correttamente, al punto da poter memorizzare eseguibili se le loro dimensioni sono sufficientemente compatte.

Grazie alla loro capacità di memorizzare indirizzi web, che oggi possono essere piuttosto lunghi, i codici QR sono un’ottima forma di marketing, permettendoci di accedere a una pagina web o di scaricare un’applicazione da Google play o Apple store in base al tipo di smartphone che possediamo. Infatti basta scansionare il codice con la fotocamera del terminale.

In ogni caso, dobbiamo sapere che, in generale, la maggior parte degli scanner QR come quello che troviamo nella fotocamera del nostro smartphone decodificherà solo il testo, quindi se codifichiamo un’immagine, un suono o un eseguibile, bisognerà fare dei passi extra per estrarlo.

A cosa serve un codice QR

Per scopi pratici, un codice QR è solo in grado di codificare e memorizzare testo e, sebbene possiamo saltare questa restrizione, non è un utilizzo solitamente supportato da qualsiasi lettore di codici QR.

Quindi, l’uso più comune che hanno i codici QR, sono di facilitare l’accesso a una pagina Web per uno scopo specifico, che sia mostrarci un video di YouTube, aggiungere contatti a WhatsApp, scaricare un’applicazione specifica, o semplicemente farci entrare in un sito web per mostrarci informazioni su un servizio, abbiamo una guida per scansionare velocemente i codici QR.

Un uso crescente di codici QR si riscontra anche nei router, dove possiamo collegarci con le credenziali di fabbrica degli stessi, perché come già sappiamo, sono solitamente noiosi da scrivere. Allo stesso modo, se il router ne è sprovvisto, possiamo sempre generarne uno, stamparlo e posizionarlo in un’area accessibile, ad esempio sotto il router stesso.

Può anche darsi che troviamo codici QR o Micro QR su componenti di computer o smartphone e, sebbene la loro lettura ci dia informazioni, è del tutto possibile che non sia utile, poiché generalmente avrà lo stesso scopo per il quale viene utilizzato originato questi codici, quello di tracciare componenti in una catena di produzione.

Tuttavia, è possibile che troviamo un codice QR opportunamente contrassegnato per trovare aiuto o il manuale del componente o dispositivo in questione, cosa che sarà utile, come avrà considerato il produttore dell’apparecchiatura.

Un altro utilizzo alternativo appare da parte dei sistemi di realtà aumentata, che possono essere utilizzati per localizzare le aree delimitate di una stanza in modo molto più affidabile, evitando così che l’utente vada a sbattere contro un muro.