Google rivela roadmap sulla privacy

Google rivela roadmap sulla privacy

Maggio 22, 2021 Off Di Redazione

Ora penserete che, combinare nella stessa frase Google e privacy può risvegliare gli istinti più bassi di molte persone, e lo capisco perfettamente, perché stiamo parlando di una delle aziende che conosce meglio noi di nessun’altro.

Le nostre abitudini di navigazione tramite Chrome, l’uso delle app e la cronologia delle posizioni per Android (e anche la sua app per iOS) di solito vengono sempre segnalate, in primo luogo, a Facebook (e a ragione, ovviamente), ma anche Google potrebbe raggiungere scrivi la nostra biografia se richiesto.

A questo punto c’è un consenso generale, ma a volte ci si divide tra coloro che difendono il fatto che, Google sa molto di noi, ma che ci offre il controllo su detti dati, e che possiamo eliminare la cronologia e dirti a Google di interrompere la raccolta e l’archiviazione. D’altra parte, abbiamo chi diffida di questo punto e vede l’eliminazione come segno che l’azienda del motore di ricerca va ben oltre ciò che afferma pubblicamente.

Comunque sia, e dato che entrare in questo dibattito è sterile a questo punto, andiamo a ciò che è attuale, e cioè che Google ha voluto rafforzare il suo impegno. Infatti,  ha appena rilasciato la timeline Privacy Sandbox, la sua iniziativa per promuovere un sito Web più rispettoso della privacy degli utenti . Puoi vederlo qui .

Nella scheda possiamo vedere che i piani di Google affrontano diversi ambiti, con una o più soluzioni tecnologiche per ciascuno di essi:

Lotta contro spam e frodi sul Web

API token attendibile

Mostra contenuti e annunci pertinenti

API FLoC
API FLEDGE

Misura gli annunci digitali

API di attribuzione principale
API per i rapporti sull’attribuzione con rapporti aggiunti
API di attribuzione cross-environment
Riferimento al servizio di aggregazione

Rafforzare i limiti di privacy tra i siti

API dei set personali
API di archiviazione condivisa
CHIP API
Partizione di archiviazione
API dei frame recintati
Stato della rete
Frazionamento

Come puoi vedere, la proposta di Google è abbastanza completa , sebbene si parli di uno sviluppo da diversi anni.

Attualmente tutti gli elementi sono in fase di discussione, ad eccezione dei trust token, che sono già molto più avanzati e, infatti, sono stati testati da tempo.

I piani di Google sono di garantire che la prima fase della transizione inizi nel quarto trimestre del 2022 e si estenda fino al secondo trimestre del 2023, momento in cui la graduale eliminazione dei cookie di terze parti in Chrome . Inoltre, per gli editori e i gestori di siti Web, l’azienda monitorerà l’adozione man mano che gli editori e l’industria pubblicitaria effettueranno le migrazioni necessarie.