ChatControl, un passo indietro per la privacy nell’Unione Europea

ChatControl, un passo indietro per la privacy nell’Unione Europea

Giugno 28, 2021 Off Di Redazione

Il Parlamento Europeo ha approvato il lancio di ChatControl , un’iniziativa criticato da alcuni partiti del Parlamento europeo considerando che è una massiccia sorveglianza delle comunicazioni private “ che minaccia la privacy.

La delegazione del Partito Pirata Europeo inserita nel gruppo Verdi/EFA ha condannato con forza quella che considera “sorveglianza di massa automatizzata, che di fatto significa la fine della privacy nella corrispondenza digitale” e annuncia legale azioni

Secondo i suoi rappresentanti, il Parlamento europeo (con 537 voti favorevoli, 133 contrari e 20 astensioni) «ha approvato l’ abrogazione della privacy elettronica , consentendo ai fornitori di servizi di posta elettronica e messaggistica i servizi cercheranno automaticamente tutti i messaggi personali di ciascun cittadino alla ricerca di contenuti sospetti e li segnaleranno alla polizia ».

ChatControl è un’iniziativa controversa. In un recente sondaggio, il 72% dei cittadini dell’UE si è opposto al follow-up generale dei loro messaggi. Mentre inizialmente i fornitori potevano scegliere se cercare o meno le comunicazioni, la legislazione di follow-up prevista in autunno costringerà tutti i fornitori di servizi di comunicazione a effettuare una selezione indiscriminata.

ChatControl, sicurezza o spionaggio?

“L’adozione del primo regolamento UE sulla sorveglianza di massa è un giorno triste per tutti coloro che dipendono da comunicazioni riservate, comprese le vittime di abusi oi media. Il regolamento infligge un colpo mortale alla riservatezza della corrispondenza digitale. È una violazione diffusa che consente la sorveglianza indiscriminata degli spazi privati ​​da parte delle aziende. Con questa logica totalitaria, anche i nostri media, i nostri smartphone o le nostre stanze potrebbero essere monitorati in generale », assicura l’eurodeputato del Partito pirata tedesco, Patrick Breyer.

Per quanto riguarda uno dei gruppi che ChatControl mira teoricamente a proteggere, i minori, l’eurodeputato lo considera più un pericolo che una soluzione: “Le ricerche indiscriminate non proteggeranno i bambini e li metteranno addirittura in pericolo quando esporrai le tue foto private a estranei … Gli inquirenti, già sovraccarichi, dovranno fare i conti con il dover risolvere migliaia di messaggi criminalmente irrilevanti. Le vittime di un crimine terribile come l’abuso sessuale su minori meritano misure che prevengano in primo luogo l’abuso. L’approccio corretto sarebbe, ad esempio, intensificare le indagini segrete sulle reti di pedopornografia e ridurre i ritardi nell’elaborazione e nella valutazione dei dati sequestrati. ”.

La Commissione Europea ha già annunciato un regolamento successivo per rendere questo controllo della chat obbligatorio per tutti i provider di posta elettronica e di messaggistica . Servizi di messaggistica crittografati end-to-end , anche quelli considerati così sicuri e privato come Signal, sarebbe costretto a installare una backdoor.

C’è dibattito, sia pubblico che legale , e a causa di questa resistenza il commissario Ue per gli Affari Interni, Ylva Johannson, ha rimandato la proposta a settembre 2021.

Ci sono importanti voci giudiziarie, comprese quelle di un ex giudice della Corte di giustizia dell’Unione europea, il quale ritiene che i piani dell’UE per controllare le chat violino i diritti fondamentali. Il Partito Pirata ha assicurato che intraprenderà azioni criminali contro questa iniziativa.